Anche la SEO si emoziona

Te lo hanno detto milioni di volte che la parola magica per il tuo successo sul web è la SEO, vero? E la ami e la odi questa ottimizzazione per i motori di ricerca, che spesso ti costringe a scrivere e riscrivere frasi e post perchè c’è quella benedetta keyword, la parola chiave, che proprio non sai come e dove infilare!

Chissà quanto hai imprecato contro le regole dei tag title e della meta descrizione e lo so che più di qualche volta hai dovuto domare l’istinto di lanciare il pc dalla finestra perchè il semaforino di Yoast SEO non diventa verde… E poi togli un po’ di “poesia”, appiattisci di empatia un po’ di frasi (insomma pensi come una macchina e trasformi il testo solo in ottica Google) ed ecco il colore del via libera! Poi pigi su “pubblica”.

Testo ottimizzato sì, ma coinvolgimento del pubblico e conversioni zero!

Ho una bella notizia per te. Anche Google, che a differenza delle persone legge tutto quello che scrivi, ha capito che l’unica vera parola chiave è l’emozione.

E’ arrivato Google Bert, la tecnica che vuole aiutare le macchine a comprendere il linguaggio umano.

In parole molto semplici ed eccessivamente poco tecniche, quando fai una ricerca su Google, la macchina considera il contesto di una parola e non il termine isolato in sè e per sè, e, soprattutto valuta ciò che viene prima e dopo un’espressione. Il nuovo approccio, insomma, è quello tipico di una conversazione.

C’è anche una brutta notizia. Non potrai fare a meno di applicare le regole SEO, e di conoscerla questa arte dell’ottimizzazione, però anche l’intelligenza artificiale sta bussando alla tua porta per sussurrarti quello che io “grido” da molto tempo: l’unico modo per fare la differenza, per farti conoscere ed amare è scrivere contenuti di qualità. 

Se non esiste la scrittura perfetta per i motori di ricerca, scrivi sempre sapendo che invece esiste il linguaggio perfetto per le persone. E tu è alle e per le persone che scrivi e quelle persone si emozionano.

Penna in mano (o mani sulla tastiera, anche se fa meno poesia!) e immagini nella mente, quelle stesse che devi suscitare in chi ti legge. Sono l’unicità e il sentimento che fanno il tuo successo, anche per la SEO!

 

 

 

 

1 Comment

Lascia un commento

*